Grandi usi delle canzoni nei film: Ooh Ooh Child degli Spinners in 'Boyz 'n the Hood'

Boyz N the Hood era una specie di sguardo oscuro sulla realtà affrontata da quei ragazzi che vivono in quel tipo di quartieri dove criminalità e povertà vanno di pari passo. Ooh Ooh Child dei The Spinners era solo una delle tante fantastiche canzoni che lo spiegavano in un modo che ha contribuito a rendere il film quello che era. Dove è stata usata la canzone e di cosa parla si contraddicono a vicenda, ma si ha l'idea che gli Spinners abbiano avuto l'idea che per quanto le cose possano andare male a volte, c'è sempre una possibilità che anche loro possano migliorare. La parte triste è stata che le cose non sono andate meglio per la maggior parte dei personaggi principali del film.

Ricky aveva un biglietto per viaggiare da quando i suoi SAT sono tornati ed erano abbastanza bravi da entrare al college, e sicuramente lo volevano. Doughboy non ha avuto molte possibilità poiché sua madre non ha quasi mai creduto in lui fin dall'inizio. È morto nel modo in cui ha vissuto, con la pistola, e la parte triste è che non è sopravvissuto a suo fratello per così tanto tempo. Gli altri sono andati per la loro strada e hanno fatto le loro cose, ma almeno Tre è uscito. Potrebbe non aver preso tutti gli insegnamenti che i suoi genitori gli hanno dato, ma ha avuto il buon senso di uscire quando poteva e tenersi lontano il più possibile. Quindi, in realtà, se la canzone era per qualcuno, era per Tre, perché era l'unico speranzoso nel quartiere che non aveva nessuno che stesse cercando di legarlo a quel posto. Ricky potrebbe essere andato via e fare grandi cose, ma avrebbe sempre avuto sua madre da cui tornare. Tre aveva suo padre, ma probabilmente suo padre gli avrebbe letto l'atto di rivolta giorno dopo giorno se fosse tornato per restare.

C'era un giorno più luminoso all'orizzonte, è bastato superare tutte le altre cose per arrivarci. A volte una persona diventa così radicata nella propria vita che non riesce a vedere oltre la miseria quotidiana che sembra contaminare tutto, comprese le parti buone. Tutti i personaggi principali hanno avuto la possibilità di uscire e fare qualcos'altro con le loro vite, ma è successo solo per l'ultimo rimasto. A quel punto Tre aveva visto e sperimentato così tanto che sapeva esattamente cosa lo avrebbe aspettato se fosse rimasto. Uscire non era più un'opzione a quel punto, era una necessità.

Per il resto di loro, la madre di Doughboy e Ricky, il padre di Tre, e tutti gli amici che gironzolavano, anche la vita potrebbe migliorare, ma dovrebbero guardare oltre una vita di tempi bui per fare qualcosa di più di quello che era già diventato. Per la madre di Ricky, suo nipote potrebbe essere l'occasione per fare qualcosa di giusto, per vedere uno dei suoi andare a scuola con la possibilità di una vita reale. Per il padre di Tre, però, il 'un giorno' sarebbe senza dubbio vedere Tre fare qualcosa di positivo nella sua vita.