Glee 5.03 “The Quarterback” Recensione: Un addio appropriatoting

Ad essere sincero, non sono davvero sicuro di come recensire qualcosa come l'episodio di stasera digioia. Le esibizioni, i dialoghi e la musica di tutto il cast durante il bellissimo e straziante tributo di stasera a Cory Monteith e al suo personaggio, Finn Hudson, vanno oltre qualsiasi commento che potrei avere sulla struttura della trama o sulla regia. No, la puntata di stasera digioia, opportunamente intitolato 'The Quarterback', era emotivamente serio come la televisione, mostrando le reazioni crude non solo di personaggi in lutto per una morte immaginaria, ma di persone reali che affrontano la tragica perdita di un collega e amico. È stata un'ora di televisione premurosa e rispettosa che ha onorato meravigliosamente sia il personaggio di Finn Hudson che la vita di Cory Monteith.

Anche se è stato difficile passare (di solito prendo appunti durante ogni episodio digioiama ne ho a malapena per questo a causa di quanto immensamente investito nel guardarlo), penso che 'The Quarterback' sia esattamente quellogioiai fan avevano bisogno di piangere la perdita di Cory e Finn, e personalmente voglio solo inviare la mia immensa gratitudine e rispetto al cast e alla troupe digioiaper averci regalato questo episodio perché so che non deve essere stato facile.

Ogni reazione alla morte di Finn nell'episodio ha funzionato per me e si è sentita autentica per i personaggi (a parte l'atteggiamento egoistico di Tina, ma questa è solo una piccola lamentela). Tutto, da Puck che si perdeva senza il suo migliore amico a Santana che rilasciava il suo dolore attraverso la rabbia a Kurt che decideva di concentrarsi sulla celebrazione della vita di suo fratello, piuttosto che discutere della sua morte, erano tutti momenti emotivi profondamente soddisfacenti con cui mi sono connesso.

Tuttavia, le tre scene di staseragioiache mi ha completamente distrutto includeva le persone più vicine a Finn: la sua famiglia (Kurt, Burt e Carol), Will e, naturalmente, Rachel. Quando Kurt, Burt e Carol hanno esaminato i vestiti di Finn (Kurt commentando quanto fossero grandi le braccia di Finn), è stata una frase di Burt, 'Avrei dovuto abbracciarlo di più', che prima ha dato il via all'acquedotto, e poi il crollo emotivo di Carol, lamentandosi di come sarà sempre una madre, anche se suo figlio non c'è più, mi ha finito. L'onestà in ciò che entrambi aiutano, la semplicità con cui Burt pensava che Finn avesse bisogno di essere abbracciato un po' di più quando era arrabbiato, o Carol che diceva come ogni mattina quando si sveglia, c'è quel primo momento in cui si dimentica che se n'è andato, erano modi assolutamente perfetti e autentici in cui questi personaggi avrebbero ricordato e addolorato Finn.

Anche se Burt è diventato il patrigno di Finn dopo aver sposato Carol, Finn aveva già una figura paterna in Will, ed è stata la scelta giusta pergioiaper concludere l'episodio con Will alle prese con la morte di Finn, che alla fine crolla e piange per la prima volta da quando è morto, mentre stringe la giacca del suo ex studente e amico. Sono stato contento di vedere Will essere la roccia emotiva di cui aveva bisogno per i suoi studenti in questo episodio. Dopo che, stagione dopo stagione, Will è scivolato nella stessa immaturità che affligge i liceali,gioiaci ha ricordato di nuovo stasera perché Will è una parte così integrante della serie e ha illustrato ancora una volta perché è davvero il miglior insegnante che uno di questi ragazzi avrà mai.

Infine, se stiamo parlando dei momenti più emotivamente toccanti della puntata di stasera digioia, dobbiamo discutere del ritorno di Rachel al McKinley, in particolare dell'interpretazione strappalacrime di Lea Michele di 'Make You Feel My Love' e del suo straziante discorso a Will, mentre i due appendevano una targa di Finn (con la citazione 'The show must …andare dappertutto…o qualcosa del genere!”) nell'aula coro. La descrizione di Rachel di come sia lei che Finn credessero che sarebbe diventata una star di Broadway e poi sarebbe tornata in Ohio per stare con lui mentre insegnava al McKinley, il fatto che lei sapesse che sarebbe stata 'a casa' quando era con lui , era bellissimo. Finn era, è e sarà sempre la persona di Rachel, e anche se non c'è più, lei non dimenticherà mai il suo sorriso, la sua voce o, soprattutto, il suo amore.

Prima di finire questa recensione, voglio solo dire che bisogna dare tanto credito a Lea Michele per la sua interpretazione in questo episodio. Non stava solo dicendo addio al suo interesse amoroso sullo schermo, ma anche al suo fidanzato della vita reale, e ha messo tutto il suo dolore e angoscia qui nell'episodio di stasera digioiaper milioni di persone da vedere. Ciò richiede forza e coraggio oltre ogni immaginazione, e voglio applaudire sia l'impegno di Michele in questa serie sia il talento che continua a mostrare ogni singola settimana sugioia. Per me, Finn e Rachel sono sempre stati il cuore e l'anima digioia, e anche se la serie ha perso parte di ciò con la morte di Cory, so che Michele e Rachel mi daranno sempre un motivo per guardaregioiaper quanto tempo continuerà ad andare avanti.

Da fan digioia eun grande fan di Cory Monteith, sia come attore che come persona, voglio solo dire grazie ancora a Lea, e al resto del cast e della troupe, per tutto quello che hai fatto durante questo episodio. Mi hai dato l'opportunità di dire addio a Cory e Finn, e questo è più di quanto avrei mai potuto chiedere.

Cosa pensavano tutti gli altri di 'The Quarterback?' Qual è il tuo ricordo preferito di Finn dagioia?