Game of Thrones Stagione 5 Episodio 7 Recensione: “The Gift”

'The Gift' è di gran lunga l'episodio più impegnativo di Game of Thrones questa stagione, una narrazione divisa in molti paesaggi, personaggi e storie diversi. In alcuni punti, la trama troncata di ogni luogo è una benedizione; in altri, sottolinea alcuni dei maggiori difetti della stagione 5, la sua incapacità di far sembrare nuovi personaggi e storie come se fossero effettivamenteimportanel grande schema delle cose. Sono tutti collegati, come molti episodi di questa stagione, dall'idea di fede e, come ho detto all'inizio di questa stagione, quanto può essere pericolosa una fede a doppio taglio.

Sia per Cersei che per Sansa, la fede si presenta sotto forma di tentativi sconsiderati di cercare di reclamare una parvenza di potere sul mondo che cambia intorno a lui. L'unica cosa che separa i due in questo episodio è il fatto che Sansa è orribilmente sposata con Ramsay (che non la lascia uscire, tenendola come sua schiava sessuale); alla fine, Cersei stessa è rinchiusa in una prigione, vittima di una situazione che pensava sarebbe stata molto più semplice e diretta di quanto non fosse. Le loro situazioni, anche se molto diverse, evocano certamente la stessa emozione: entrambe le donne stanno soffrendo per la perdita di potere nella propria vita, soffrendo per aver riposto la propria fiducia nei luoghi più attraenti. Alla fine della giornata, Ditocorto ha ancora i suoi piani (altrimenti non avrebbe lasciato lì Sansa, sapendo che tipo di creatura fosse Ramsay), e così anche l'Alto Passero, che ha isolato il povero re Tommen dal suo unico fonti di guida e potere; questi uomini crudeli capiscono il potere che il trauma emotivo ha sulle persone, usandolo per portare i 'nobili' (noti anche come Stark e Lannister) al loro livello meno annunciato - e nel caso del Passero, senza doccia -, dove l'unico la fiducia da avere sta in coloro che sventolano lo stesso stendardo (o nel caso di Lancel, che portano lo stesso marchio sulla fronte).

Il fallimento del piano di Cersei è un momento estremamente soddisfacente per la serie, uno che aiuta a combattere la disperazione che proviamo a Winterfell dopo che l'anziano amico di Sansa finisce scorticato per mano di Ramsay (dopo che Reek è uscito di senno e ha tradito il piano di Sansa, ovviamente). È un importante promemoria del fatto che la giustizia, in qualche modo, trova la sua strada fino alla soglia di ogni personaggio. Che si tratti di infrangere un voto come l'onorevole Robb Stark, o di riporre la propria fiducia in un pazzo fondamentalista (qualcosa su cui anche Stannis sta imparando molto; torneremo su di lui), ogni decisione a Westeros ha una conseguenza: alcuni prendono semplicemente molto più tempo di altri per arrivare. La punizione di Cersei è un importante rilascio di tensione a Winterfell, anche se nuovi stress la sostituiscono immediatamente; rimuovere Cersei dal potere è qualcosa che deve essere fatto per molto tempo e, a prescindere da quanto sia scomodo, rappresenta un importante punto di svolta per il suo personaggio e per la dinamica di Approdo del Re in generale.

Quell'idea di fede – la base tematica della quinta stagione, se vuoi – continua a emergere in tutto “The Gift”, con effetti contrastanti. Al di fuori di King's Landing, l'impiego più potente dell'idea arriva con Stannis, un uomo la cui fede è direttamente legata alla sua performance sul campo di battaglia, una dedizione che viene messa alla prova quando la Donna Rossa gli chiede di sacrificare sua figlia prima dell'imminente battaglia per Grande Inverno (che deve essere il culmine della stagione, no?), e Stannis rifiuta disgustato. L'Alto Passero è disposto a rinunciare ai beni terreni per la sua fede (o come fa notare Olenna, almeno finge di fare, a questo “vecchio gioco” di seguire le parole della fede al potere); a cosa è disposto a rinunciare Stannis? La linea sembra essere tracciata alla famiglia, che lo pone come un interessante contrappunto al resto delle famiglie al potere (o che tentano di ottenerlo). Mentre la vittoria e il fallimento sono le uniche opzioni per Stannis ('Andiamo solo avanti', dice a uno scettico Davos), nessuna di queste è importante quanto la sua famiglia, ricordandoci che la fede di Stannis nel Signore della Luce va solo così lontano – e mentre Melisandre diventa più al corrente dei rifiuti interni di Stannis della sua logica (anche se rimane dipendente da ciò che vede nelle sue visioni), diventa un personaggio più pericoloso di per sé.

Vedete, per quanto potente possa essere uno strumento la fede, anche una mancanza di fede può essere altrettanto potente; in effetti, è quest'ultimo che spesso porta i personaggi in azione, catalizzando alcune delle ondate di spada più drammatiche dello spettacolo nel processo. E quegli elementi sono certamente in gioco in “The Gift”; da Cersei a Daario (che non vede il punto in Dany sposare qualcuno che già controlla) e tornare al povero, abbandonato Samwell, la fiducia nella visione e nell'umanità degli altri è probabilmente la più grande scommessaGame of Thronesil personaggio può prendere – e sapere che la decisione giusta può finire per portare alla morte istantanea (Ned Stark, chiunque?) dà automaticamente a ciascuna di queste esplorazioni interne un peso molto più drammatico. Le suppliche di Jorah a Dany potrebbero solo farlo uccidere, ma è anche la sua unica strada verso la redenzione. Se c'è una cosa che 'The Gift' fa bene, è rappresentare quel restringimento dei fattori motivanti, una svolta importante nella stagione per ogni personaggio comeGame of Thronesinizia a prepararsi per un altro cambiamento narrativo di fine stagione.

Ora, non tutte queste storie sono andate bene come quelle di Cersei o Jorah: Dorne rimane una noia assoluta, i Sand Snakes ridotti a oggetti sessuali che tengono in mano delle spade, seguendo la scena di combattimento della scorsa settimana (che è di gran lunga la più scena d'azione imbarazzante e poco convincente mai girata per lo spettacolo) con una scena del dungeon altrettanto senza vita, in cui Jaime siede comodamente in una suite di lusso mentre Bronn giace nei sotterranei, quasi preso in giro ad avvelenare se stesso a morte perché uno dei Sand Snakes gli mostra il suo seno . Non posso nemmeno dirti i nomi di queste tre donne, tanto meno cosa sta succedendo a Dorne a cui tengo; la lotta di potere a cui si è accennato in precedenza ha lasciato il posto ad alcune sciocchezze in cui Myrcella insiste di essere innamorata, non è certo il momento per i personaggi di indulgere nel tipo di fantasia principessa retrograda che ha portato Sansa in un pasticcio così profondo. La conversazione di Jaime con lei manca di un senso di urgenza, rifiutandosi di tagliare le sue sciocchezze per affermare il semplice fatto che è diventata una pedina politica, una che cresce di importanza mentre le famiglie Tyrell e Lannister cercano entrambe di affermare il loro potere contro un uomo che crede nient'altro che ciò che è scritto nei testi antichi (almeno, purché serva alle sue motivazioni sempre più ovvie, qualcosa che Olenna scopre mentre viene filosoficamente spogliata dal Passero).

Tuttavia, questi momenti sottosviluppati sono un sottoprodotto di un occupatoGame of Thronesepisodio e stagione. Mentre i primi episodi rimangono focalizzati su un piccolo numero di luoghi, queste ultime due ore hanno visto un angolo molto più ampio nel vedere le terre di Westeros, viaggiando da Castle Black (dove Sam dorme con Gilly, un'altra strana dimostrazione di sessualità femminile, che arriva pochi istanti dopo è stata quasi violentata; per fortuna, funziona un po' meglio qui che nelle prigioni) ad Approdo del Re, e di nuovo in posti di vasta portata come Dorne e Meereen. Detto questo, non sorprende che alcune storie in 'The Gift' si sentano fondamentalmente sottosviluppate; eppure, l'unità tematica che guida tutto aiuta a elevare l'episodio dal diventare una delle ore più frustranti e fratturate dello spettacolo.

[Credito fotografico: Macall B. Polay/HBO]