Fresh Off The Boat Stagione 1 Episodio 8 Recensione: “Phillip Goldstein”

Quando eravamo bambini, i nostri genitori volevano sempre che giocassimo e uscissimo con i ragazzi 'buoni' e gli amministratori scolastici volevano organizzarci in base ai livelli di potenziale accademico. 'Socializzare' a volte potrebbe sembrare più come 'gruppizzare': cioè, non ci era permesso scegliere conoscenti o amici in base ai nostri interessi comuni con altri bambini, ma da altri fattori, come il comportamento, l'intelligenza - o in molti casi in più grandi scuole, razza, qualcosa che viene alla ribalta nell'ambientazione meno PC degli anni '90 di Fresco di barca . Nonostante la sua impostazione temporale, la verità rimane universale: le persone cercheranno sempre di incastrarci in base a qualche definizione preconcetta - ed è solo quando ci liberiamo da questo, che possiamo trovare la vera compagnia nel mondo.

Non c'è niente di naturale nell'amicizia nata tra Phillip ed Eddie: Jessica pensa che sia una buona idea perché è un 'bravo ragazzo cinese' e il preside della scuola vuole solo che la sua ex moglie veda che è di mentalità aperta (trasmesso da un esilarante spaccato di un foto candida di lui con Eddie e Phillip). I due sono inizialmente attratti l'uno dall'altro, ma è solo questione di essere ammassati insieme dalla razza, i loro interessi drasticamente diversi stabiliscono rapidamente quanto poco questi due si sarebbero piaciuti l'un l'altro. Inizialmente, i due godono della comodità di avere qualcuno 'come loro' in giro; ma cosa significa davvero 'mi piace' se è solo superficiale?

'Phillip Goldstein' non coinvolge necessariamente questa idea centrale in modo complesso: Eddie è un fan del rap e Phillip è il tipo di ragazzo che Eddie pensa sarebbe un nerd. Ma l'universalità della storia ha un altro scopo: parla alla nostra natura di umani per cercare quelli simili a noi in qualsiasi modo quando stiamo cercando di assimilarci a un nuovo posto, non importa quanto disperati possiamo sembrare. Eddie vuole solo qualcuno con cui andare al concerto dei Beastie Boys, ma non riesce a trovare un altro fan del gruppo che vada con lui (come il suo unico compagno di classe, che è entusiasta di aver appreso il vero nome di LL Bean), quindi accetta di andare a un musical con Phillip prima del concerto in cambio, facendo finta di un'amicizia con cui non vuole avere niente a che fare. Anche quando non ci piacciono le persone, possiamo ritrovarci a cercare la loro compagnia: la familiarità è estremamente preziosa per noi come esseri umani, e il comportamento di Eddie è una dimostrazione estremamente infantile (e quindi poco sottile), commovente di quanto disperatamente la cerchiamo, anche se sappiamo che lo stiamo forzando.

L'episodio trova grande umorismo dalle ovvie differenze tra loro, a cominciare dalla dedizione di Phillip alla sua fede ebraica e continuando attraverso i disperati tentativi di Eddie di rimanere sveglio durante la metà dell'accordo di Phillip. 'Phillip Goldstein' rende il suo personaggio titolare un'entità che respira, un bel contrasto con gli studenti bianchi ampiamente dipinti che vediamo all'inizio dell'episodio. Ma anche Eddie si ritrova attratto da Phillip, un preconcetto che siano due piselli dello stesso baccello perché sono asiatici. In un certo senso, Eddie sta sterotizzando se stesso, e 'Phillip Goldstein' lo tiene al lavoro tanto quanto chiunque altro nell'episodio - senza farlo a spese di Phillip come personaggio, la parte più sorprendente (e piacevole) dell'intero affare.

Il punto in cui l'episodio è più forte, tuttavia, è quando si concentra su Jessica e il preside, e sui loro tentativi di costringere i due ragazzi asiatici a scuola ad assimilarsi, due persone le cui motivazioni molto diverse sono unite da questa singola idea magra. di mettere like con like, perché è proprio questo che rendesenso. Jessica vuole che Eddie smetta di parlare in slang ('PERCHÉ VUOI ESSERE UNA LETTERA?'), e vuole che diventi il bravo ragazzo cinese che suona gli strumenti a corda, proprio come i suoi fratellini, spinti dalla motivazione personale a modella Eddie com'è per la sua eredità culturale. Tuttavia, si scopre che è stato un errore, e Phillip è solo un idiota egoista – una svolta improvvisa degli eventi (uno che lo spettacolo non si sofferma a lungo), ma uno che dà luce al messaggio al centro dello spettacolo ( cioè se dici ai tuoi genitori che i rapper del gruppo sono bianchi, potrebbero lasciarti andare al concerto – no, sto scherzando!), che è che alla fine, finiremo con le persone che dovremmo quando ci togliamo di mezzo (come fa Eddie con il suo compagno fan dei Beastie Boys, l'unico ragazzo nero della scuola).

Questo principio (introdotto dal preside; va bene, non ho potuto trattenermi) si riflette anche in Louis, che è isolato dalla famiglia per la maggior parte dell'episodio, tranne quando guida l'auto di famiglia o a cena con i Goldstein (dove rimane imbarazzante ed esilarante). Dove si manifesta è il suo tempo da solo al ristorante, dopo aver assunto la persona esatta di cui pensa di aver bisogno come addetto al saluto per sostituire Mitch, recentemente scomparso. Ancora una volta, la sua supposizione su quale dovrebbe essere il suo saluto lo porta ad assumere qualcuno con cui in realtà non si connette; infatti, il nuovo ragazzo ruba la parte preferita del lavoro di Louis, portando le persone ai loro posti (e implorando perché ha Mitch in primo luogo). L'intera struttura è diversa, ma l'idea è la stessa storia 'non giudicare un libro dalla copertina', raccontata nei ritmi distinti diFrescola voce emergente.

Quella voce emergente si sta rapidamente trasformandoFresco di barcain una commedia per famiglie a tutto tondo – e anche se gli ascolti per lo show iniziano a calare, mi fa sperare che la ABC veda quale commedia forte ha tra le mani in modo che possa avere un po' di fiducia in essa. Episodi come 'Phillip Goldstein' mostrano esattamente il motivo:Frescoè uno spettacolo che sta imparando a essere divertente (sia con i suoi personaggi, sia con il suo approccio in continua evoluzione alla sua premessa razziale distinta), senza sentirsi amareggiato, pieno di riferimenti scadenti o, soprattutto, disonesto.

[Foto tramite ABC]